• Accorciare le distanze alla maratona di Londra

Accorciare le distanze alla maratona di Londra

La maratona di Londra 2015 ha coinvolto una cifra record di partecipanti: ben 38.000 persone, tra atleti professionisti, amatori e fundraiser si sono battute per portarla a compimento. Alla corsa di quest'anno anche i fornitori AV del Centro stampa, Creative Staging ed Hamilton Rentals, dovevano superare una sfida – su una distanza molto inferiore.

Infatti per la prima volta Marathon IT, che gestisce la tecnologia necessaria per l'evento, ha indetto una gara d'appalto per la fornitura di apparecchiature AV per il centro stampa della maratona. Ad aggiudicarsi l'ambìto incarico sono state le aziende di noleggio e staging Hamilton Rentals e Creative Staging, che hanno concluso una partnership appositamente per la manifestazione.

Proiezione per esterni in uno spazio limitato

Da molti anni le attività di stampa si svolgono al Tower Hotel, che funge da centro organizzativo della corsa. Quest'anno, i responsabili dell'evento desideravano allestire la conferenza stampa conclusiva in uno spazio più ampio, vicino al traguardo, in modo che i giornalisti non dovessero più spostarsi dalla linea di arrivo per raggiungere il Tower Hotel.

"Gli organizzatori dell'evento ci hanno prospettato l'idea di ospitare il centro stampa sotto un tendone, vicino al traguardo, sul Mall. Questa opzione comportava due sfide per noi. Un tendone avrebbe lasciato filtrare eccessivamente l'illuminazione ambientale. Ovviamente avremmo avuto bisogno di proiettori da 20 lumen, ma lo spazio dietro lo schermo non era sufficiente per la distanza di proiezione di un modello ad alta luminosità", commenta Richard Crowe, Managing Director di Creative Staging.

Inoltre, poiché non era possibile appendere i proiettori al soffitto del tendone, che non sarebbe stato in grado di sostenerne il peso, era necessario trovare una soluzione che consentisse una proiezione a luminosità elevata da una distanza massima di 1,8 m. Dato che si poteva oscurare solo una piccola parte del tendone, erano indispensabili 20.000 lumen.

Dopo un'attenta ricerca delle opzioni potenziali, Creative Staging e Hamilton Rentals hanno selezionato tre proiettori PT-DZ21K Panasonic dotati di obiettivi ultra-short throw ET-D75LE90 (LE90) per proiettori a 3 chip DLP.  In questo modo è stato possibile installare uno schermo da 5 m, a retroproiezione, da una distanza di appena 1,5 m. Per uno schermo di queste dimensioni, gli obiettivi short throw tradizionali richiederebbero una distanza di 4 m.

In totale, sono stati installati tre proiettori PT-DZ21K di Panasonic, con obiettivi ultra-short throw, per la proiezione su tre schermi distinti, utilizzati per mostrare sia le riprese live della corsa, nelle categorie Elite Men ed Elite Women, sia i risultati in tempo reale. Al termine, gli schermi hanno fatto da sfondo alla conferenza stampa.

"Abbiamo scelto Panasonic perché è l'azienda in grado di offrirci la gamma di proiettori e obiettivi più adeguati per le nostre esigenze. Il DZ21K è estremamente compatto e leggero; sono sufficienti due persone per trasportarlo, a differenza degli altri proiettori da 20.000 lumen sul mercato, che richiedono quattro persone. È un vantaggio determinante per noi. Conoscevamo già i proiettori Panasonic, che abbiamo utilizzato con soddisfazione in passato, e sappiamo che offrono le prestazioni e l'affidabilità eccellente di cui abbiamo bisogno a un prezzo conveniente", aggiunge Richard Crowe.

Rendere possibile l'impossibile

Poiché il centro stampa nel Tower Hotel era ubicato all'interno, Creative Staging ed Hamilton Rentals hanno scelto tre proiettori PT-DZ870 di Panasonic. Questi modelli a 1 chip DLP da 8.500 lumen integravano obiettivi ultra-short throw ET-DLE030 (LE030) di Panasonic concepiti appositamente per i proiettori di questa classe. Gli obiettivi ET-DLE030 (LE030) supportano una distanza di proiezione di appena 84 cm per coprire uno schermo da 2,5 m, rispetto ai 2,3 m necessari con un obiettivo short throw tradizionale.

I tre proiettori, dotati di questi straordinari obiettivi, hanno creato una singola immagine uniforme grazie alla tecnologia di Edge Blending. Il centro stampa del Tower Hotel è stato utilizzato per le conferenze stampa e i briefing degli atleti prima e dopo l'evento.

"Ho già utilizzato obiettivi short throw in passato e a volte generano una proiezione deformata. Al contrario, la soluzione di Panasonic crea immagini veramente nitide e realistiche", commenta John Gibson, Project Manager presso Hamilton Rentals. "Con questi obiettivi ultra-short throw otteniamo risultati che ritenevamo impossibili".

La famiglia ultra-short throw di Panasonic

Gli obiettivi ultra-short throw LE030 consentono la proiezione su grande schermo per i proiettori a 1 chip DLP a distanza ravvicinata. L'utente può abbreviare la distanza di proiezione di circa il 60% rispetto agli obiettivi short throw tradizionali. Dal momento del lancio, a novembre 2013, il LE030 ha vinto il premio Product of the Year 2013-2014 di Live Design nella classe degli accessori per proiettori ed è stata nominata quale AV Accessory of the Year nei premi di AV Magazine per il 2014.

L'obiettivo LE90, immesso sul mercato a novembre 2014, prosegue il successo del LE030 ma si rivolge ai proiettori a 3 chip DLP, consentendo una proiezione a elevata luminosità in spazi finora considerati troppo angusti. Entrambi gli obiettivi sono compatibili con modelli di proiettori Panasonic precedenti, così le organizzazioni non devono investire in nuove apparecchiature per trarre vantaggio dalla proiezione ultra-short throw.

 

Per maggiori informazioni, visitate:

business.panasonic.it

www.creativestaging.co.uk

www.hamilton.co.uk