UN’ESPERIENZA COINVOLGENTE AL MUSEO DI CALEM BODEGA

L’azienda vinicola Calem Bodega a Vila Nova de Gaia (Portogallo) ha realizzato uno spazio espositivo dove i visitatori scoprono la storia del vino utilizzando tutti i cinque sensi.

"Abbiamo rivoluzionato il modo di interpretare la storia dell’azienda e riscosso un notevole interesse fra la popolazione locale e i turisti, come dimostra l’aumento costante nel numero dei visitatori dal giorno dell’inaugurazione".

Vasco Santos - CMO di Eacute Sistemas

Client – Calem Bodegas
Location – Vila Nova de Gaia, Oporto, Portogallo
Sfida

Creazione di un’esperienza culturale memorabile, con attrezzature moderne e affidabili, resistenti alle variazioni della temperatura e dei livelli di illuminazione.

Soluzione

Per l’installazione sono stati utilizzati proiettori a laser PT-RZ970 e i proiettori compatti PT-RZ670 e PT-RZ470. Gli schermi comprendono un display TH-98LQ70 e gli schermi a LED TH-65EF1 e TH-55LFE8. Inoltre sono stati implementati Video Wall TH-55LFV.


Il museo di Cálem Bodega, nel distretto costiero di Oporto, presenta una dimensione del vino inedita e tecnologicamente sofisticata. Con il supporto di Panasonic ed Ésistemas, questa azienda vinicola ha fondato il primo museo interattivo della regione. Qui i visitatori possono fruire di un’esperienza coinvolgente e innovativa, che li conduce a esplorare nei dettagli il processo di produzione di un vino apprezzato in tutto il mondo: il Porto. Il museo offre un percorso attraverso le tecnologie del settore, a partire dai vigneti per finire in cantina. 

Cálem Bodega si trova nei pressi del ponte dedicato a Luis I, una posizione fortunata che ha contribuito a rendere l’azienda una delle cantine (bodegas) più popolari di Vila Nova de Gaia. Il logo dell’azienda include una caravella, simbolo del commercio transatlantico che ha rappresentato il business principale della bodega nei primi anni del XIX secolo.

Per i lavori di trasformazione e conversione della sala in un museo interattivo, Cálem cercava un partner esperto di tecnologie che fosse in grado di aiutare a creare l’ambiente desiderato e portare l’esperienza dei visitatori della bodega a un nuovo livello. Ésistemas ha accettato la sfida e per la sala ha deciso di utilizzare le attrezzature visuali di Panasonic. Fra le varie soluzioni espositive implementate, quella più originale è il sistema di proiezione con videomapping per le immagini e i video che suscitano l’interesse del visitatore. 

Il museo vanta una sala 4D dove viene ricreato l’intero processo di produzione del vino, ripercorrendone la storia con l’ausilio di dettagli che stimolano i cinque sensi. L’installazione associa suoni e profumi alle immagini proiettate. 


Il percorso nella sala assicura un’esperienza visuale indimenticabile - anche grazie a tecnologie straordinarie, che stupiscono e fanno riflettere allo stesso tempo. Suoni e immagini si combinano perfettamente, dando luogo a una serie di effetti ottici con dimensioni, movimenti, oggetti e colori sempre diversi.

“Questo spazio innovativo dimostra il potenziale delle tecnologie di dare vita a un’esperienza culturale memorabile, spiega Vasco Santos, CMO di Ésistemas. Abbiamo rivoluzionato il modo di interpretare la storia dell’azienda e riscosso un notevole interesse fra la popolazione locale e i turisti, come dimostra l’aumento costante nel numero dei visitatori dal giorno dell’inaugurazione”. 

Oriol Massagué, Field Marketing Manager di Panasonic System Communications Company Europe, commenta: “Le attrezzature Panasonic utilizzate sono state progettate per ambienti come la Cálem Bodega, in cui l’obiettivo è stupire il pubblico e installare soluzioni moderne e affidabili, resistenti alle variazioni della temperatura e dei livelli di illuminazione”.

“Al momento di gestire la fase di produzione del museo interattivo, l’aspetto più importante è stata l’esecuzione di un’analisi completa della sala selezionata, in modo che fosse possibile montare a parete i dispositivi audio-video e integrarli perfettamente nel contesto”, illustra il coordinatore tecnico del progetto, Francisco Moura, di Gema Digital.


L’intero sistema comprende attrezzature associate a sei diversi modelli Panasonic. 10 proiettori a laser PT-RZ970, eccezionali per lunga durata, consentono al museo di rimanere aperto tutto il giorno. Sono stati utilizzati anche i proiettori PT- RZ670 e PT-RZ470, entrambi appartenenti a una gamma compatta che produce immagini sorprendentemente luminose. Nell’insieme, questi dispositivi forniscono un effetto visivo davvero potente.

“Questo spazio innovativo dimostra il potenziale delle tecnologie di dare vita a un’esperienza culturale memorabile”.

In termini di schermi, un display TH-98LQ70 è abbastanza robusto da adattarsi all’ambiente della cantina senza risentirne, anzi riducendo al minimo gli eventuali problemi. Allo stesso tempo, sono stati installati un TH-65EF1 e due TH-55LFE8: questi eleganti display a LED offrono il livello di connettività intuitiva e facilità d’uso necessario per supportare l’installazione e garantire ai visitatori un’esperienza museale coinvolgente.

Il Video Wall include quattro display TH-55LFV che compongono uno schermo enorme, senza cornice, con dettagli estremamente sofisticati e capace di erogare l’effetto di espansione richiesto per evocare nel pubblico intense sensazioni visive. Nei display, impostazioni come quelle del colore, della luminosità e di altro tipo consentono di personalizzare le immagini, in modo da ottenere gli effetti più appropriati per l’ambiente.