• Il ritorno della luminosità

Il ritorno della luminosità

Il proiettore al top della gamma Panasonic utilizzato per un'installazione di projection mapping sul Palazzo del Parlamento di Bucarest

A settembre 2014, per commemorare il 555° anniversario del primo documento storico sulla capitale rumena, l'intera facciata del Palazzo del Parlamento di Bucarest è stata trasformata per la prima volta in un gigantesco teatro all'aperto.

iMapp, l'evento al quale hanno assistito dal vivo circa 100.000 persone, ha ottenuto un tale successo che si è deciso di ripeterlo nel 2015.

La seconda edizione ha rappresentato l'occasione per riunire i quattro elementi fondamentali: acqua, aria, terra e fuoco. Hanno aderito all'iniziativa 37 artisti di videomapping da tutto il mondo. Fra questi sono stati selezionati sei team: AVA (Messico), Dirty Monitor (Belgio), Urbanscreen (Germania), RadugaDesign (Russia), Light Event Consulting (Francia) e MotionScape (Romania).

Ancora una volta, il tristemente famoso Palazzo del Parlamento di Bucarest doveva fungere da sfondo per capolavori di videomapping di estrema originalità e bellezza.

Costruito nel 1990, l'edificio è il secondo più grande del mondo, dedicato a fini amministrativi, dopo il Pentagono negli Stati Uniti. Questo imponente simbolo del comunismo è visibile dallo spazio e oggi attrae decine di migliaia di turisti ogni anno.

Un'edizione ancora più spettacolare

Per realizzare l'enorme allestimento sono stati installati ben 104 proiettori Panasonic a luminosità ultra-elevata – che, grazie a un software esclusivo di Edge Blending e mappatura geometrica, hanno creato una singola immagine omogenea. L'architettura di illuminazione è stata studiata nei minimi dettagli, per garantire una sincronizzazione perfetta delle luci con lo spettacolo di proiezione.

Per il controllo delle attrezzature sono stati implementati cinque server Pandora Box QUAD di Coolux.

Adrian Pochiscan, Technical Director di 360 Revolution, l'azienda produttrice dello show, commenta: "iMapp è una delle installazioni di projection mapping più grandi al mondo. Per le sue dimensioni, il palazzo è il secondo edificio civile del pianeta, e la videoproiezione ha coperto un'area di 290 x 80 m, ovvero superiore a 23.000 m2."

 

Proiezione migliorata

Il nuovissimo proiettore al top della gamma Panasonic, il PT-DZ21K2 Evo, è in grado di riprodurre immagini di una bellezza mozzafiato e assicura un funzionamento affidabile senza richiedere particolare manutenzione. Questo dispositivo, benché straordinariamente compatto, raggiunge 20.000 lumen di luminosità e riunisce un'ampia gamma di funzioni creative.

Inoltre nel PT-DZ21K2 Evo anche le caratteristiche minute sono state progettate e sviluppate per soddisfare le necessità dei professionisti della proiezione più esigenti.It is the updated version of the DZ21K series which has been used extensively across the rental and staging industry, most recently at the Circle of Light Festival in Moscow. 142 projectors were used to create a Guinness World Record for the largest projected image.

D'altronde, questo modello è la versione aggiornata della serie DZ21K, che ha riscosso un enorme successo nel settore del noleggio e staging. Di recente, è stato utilizzato anche nel festival "Cicle of Light" di Mosca, dove, con l'ausilio di 142 proiettori, l'evento è entrato nel Guinness dei primati per l'immagine più grande mai proiettata.

"Siamo riusciti a sfruttare al meglio il nuovo PT-DZ21K2 Evo. 104 proiettori in totale hanno prodotto un fascio di luce da più di due milioni di lumen", continua Adrian Pochiscan.

“La luminosità era fondamentale. Un pixel proiettato sull'edificio misurava appena 2,3 cm – un'area minuscola rispetto sia all'estensione sui cui dovevamo proiettare i nostri contenuti, sia alla distanza del pubblico".

Panasonic ha riprogettato il sistema di modulazione della lampada, riducendo il consumo energetico e prolungando l'intervallo consigliato per la sostituzione della lampada da 2.000 a 3.000 ore. La nuova serie è notevolmente più efficiente, grazie al ricorso a filtri eco riutilizzabili e a lunga durata e a lampade a minore assorbimento. Un sistema di raffreddamento a liquido ha ridotto i livelli di rumore da 49 a 46 dB, il che equivale a una diminuzione del 50% del rumore percepito.

"Il nuovo proiettore si distingue per numerose caratteristiche avanzate, il consumo energetico si è ridotto del 10% e la qualità dell'immagine è migliorata, grazie al sistema di perfezionamento dell'immagine di nuova concezione. Il potente e innovativo Real Motion Processor supporta 120 fotogrammi al secondo"  spiega Eduard Tronaru, Partner Account Manager di Panasonic.

"Per movimentare questo modello, che pesa appena 43 kg, sono sufficienti due membri dello staff – quindi è molto semplice impilarlo nelle torri di proiezione. Inoltre ogni unità integra quattro lampade e, di conseguenza, se una si guasta, l'evento può continuare senza problemi".