• Sound and light combine in Roskilde

Il suono e la luce si combinano a Roskilde

 

I proiettori e i display Panasonic danno vita alla cultura giovanile rock e pop nel museo Ragnarock in Danimarca

Situato a Roskilde, in Danimarca, il museo RAGNAROCK è dedicato alla cultura giovanile e alla musica dagli anni '50 ai giorni nostri. All'interno di un edificio spettacolare, rivestito di borchie dorate, con un'enorme ala a sbalzo e un lungo tappeto rosso, il museo sfrutta una varietà di tecnologie audio-video per narrare la storia della musica rock e pop e dei suoi numerosi sottogeneri.

Il museo illustra lo sviluppo della cultura giovanile, raccontato dai suoni, dalle immagini e dai simboli della musica rock e pop. È la storia di come i giovani hanno superato i confini tradizionali attraverso la musica e rivoluzionato la società, dalla politica alla danza e alla tecnologia.

Con un esteso spazio espositivo, scenografie ispirate alla musica, un archivio e strutture di formazione e ricerca, il RAGNAROCK è una "serra culturale" distribuita su tre piani. Il museo, oltre all'esposizione permanente, ospita anche una serie di mostre che si susseguono regolarmente durante l'anno.

"A dare inizio al progetto del museo è stato un gruppo di operatori del settore musicale, che si è riunito e ha compreso la necessità di documentare questa cultura e la sua storia", commenta Jacob Westergaard Madsen, il curatore del museo. "La cultura rock e pop si caratterizza per una spiccata componente visiva. Quindi, nell'esperienza della visita al museo, abbiamo cercato di ricreare la sensazione di un'immersione in una cultura vivace e dinamica".

 

"All'arrivo del personale, la mattina, è sufficiente premere un solo pulsante per attivare subito tutte le apparecchiature audio-video".

 

 

Inaugurata ad aprile 2016, l'esposizione permanente utilizza in totale 15 proiettori Panasonic, insieme a tre display Panasonic da 55", in un'area di 1.200 metri quadri. Poiché la cultura giovanile è molto attenta alle immagini, così come ai suoni, la proiezione rappresenta una parte critica dell'esperienza museale. 

La musica rock e pop è uno dei movimenti culturali più potenti del 20° e del 21° secolo ed è proprio questo movimento che il museo documenta e comunica, offrendo un viaggio in una varietà di temi, suggestivi e coinvolgenti per i visitatori.

In un'area dedicata, questi hanno l'opportunità di ascoltare vecchie demo, registrazioni live e versioni alternative di famosi artisti danesi, mentre un'altra zona illustra lo sviluppo dell'acustica attraverso i decenni, nella ricerca musicale del suono perfetto.

Inoltre il museo comprende uno spazio teatrale adibito periodicamente alla visione di film e documentari musicali, tramite un proiettore a laser PT-RZ670 di Panasonic.

 

"Siamo entusiasti degli effetti che i proiettori Panasonic riescono a creare".

 

 

"Poiché si tratta di una mostra tematica, vi accogliamo prima di tutto con una scenografia e un'attività che vi immergono direttamente nell'argomento. Poi presentiamo un gran numero di narrazioni audiovisive e cinematografiche, che fungono da secondo livello, più in profondità", aggiunge Jacob Westergaard Madsen.

All'ingresso della mostra sono stati installati quattro proiettori a laser DLP™ a un chip PT-RW630, con l'intento di esplorare le modalità di utilizzo delle luci nei concerti e nei festival. In questo caso è molto utile la funzionalità di Edge Blending integrata, che avvolge il visitatore in una singola immagine di grande impatto.

Il mix di musiche e luci illustra il lavoro dei pionieri danesi nella proiezione di diapositive, mentre i visitatori possono creare una propria performance nello stile degli show di luci liquide. Tipico dei primi anni '60, questo effetto era parte integrante della scena musicale progressista e vi contribuivano coloranti liquidi, proiettori a soffitto, ruote dei colori e pellicola da 16 mm, oltre a proiettori di diapositive. Ora il museo si avvale di moderne tecnologie di proiezione a laser per riproporre al pubblico un'atmosfera analoga.

In un'altra area, una funzionalità interattiva si concentra sull'influenza che la cultura della danza ha esercitato sullo sviluppo dei generi musicali. Basato sulla tracciatura del movimento, questo allestimento offre ai visitatori la possibilità di sperimentare da soli la sinergia tra musica e immagini, mentre ballano seguendo i movimenti di un danzatore virtuale e li confrontano con quelli della propria sagoma, proiettata davanti a loro.

Le tecnologie di proiezione, rilevamento e illuminazione si combinano in modo che i danzatori che più si avvicinano alla danza virtuale del modello vengono premiati con una migliore performance luminosa. 

 

"Un gruppo di operatori del settore musicale avvertiva la necessità di documentare questa cultura e la sua storia".

 

 

"Tutti i proiettori e i display sono connessi a una rete interna che ci consente di monitorare e controllare in remoto tali dispositivi da una singola postazione centrale", commenta Finn Langkjaer, di AV CENTER, il partner dell'installazione per il progetto.

"All'arrivo del personale, la mattina, è sufficiente premere un solo pulsante per attivare subito tutte le apparecchiature audio-video".

I proiettori Solid Shine™ sono stati selezionati non soltanto per gli straordinari livelli di luminosità e contrasto, ma anche per il concetto di assenza di manutenzione, che garantisce un funzionamento fino a 20.000 ore senza la necessità di sostituire il filtro o la sorgente di luce. Dato che in loco non è disponibile un team di manutenzione dedicato, questa tecnologia era particolarmente attraente per il museo.

Inoltre, tutti i proiettori sono connessi a una singola rete Crestron, che permette al personale di AV CENTER di monitorare e gestire in remoto qualsiasi potenziale problema di proiezione prima che sia troppo tardi e comprometta l'esperienza complessiva dei visitatori.

Jacob Westergaard Madsen riassume: "Siamo entusiasti degli effetti che i proiettori Panasonic riescono a creare nel museo. Il riscontro del pubblico si è dimostrato estremamente positivo e, dopo l'inaugurazione, non è stato necessario molto tempo per comprendere che abbiamo fatto la scelta giusta, individuando in Panasonic il nostro fornitore di proiezione".