• Una performance brillante all'Università del Sussex

Una performance brillante all'Università del Sussex

Le attrezzature AV di Panasonic protagoniste sul palcoscenico dopo la recente ristrutturazione dell'Attenborough Centre for the Creative Arts

Dopo la chiusura per lavori nel 2007, l'Attenborough Centre for the Creative Arts ha riaperto nella primavera di quest'anno. L'edificio, noto in passato come Gardner Arts Centre, è stato ribattezzato in onore dell'ex-rettore dell'università, Lord Richard Attenborough, e della sua famiglia.

L'Attenborough Centre for the Creative Arts sorge nel campus dell'Università del Sussex, frequentata da 14.000 studenti e con un personale di 2.100 addetti. Progettata originariamente da Sir Basil Spence, questa struttura iconica è ora inclusa, al livello II, nell'elenco degli edifici di speciale interesse storico e architettonico del Regno Unito – ma gli estesi lavori di ristrutturazione hanno creato un ambiente moderno di grande impatto.

All'interno del centro trovano spazio un auditorium avveniristico e flessibile, che può ospitare fino a 350 persone sedute o 480 in piedi, e una serie di ambienti dedicati a esposizioni, didattica e uffici. L'edificio viene poi completato da una nuova caffetteria e bar, studi per le prove di recitazione, spazi creativi per il relax, nonché gallerie e aree espositive concepite per installazioni artistiche e audiovisive.

 

Proiezione

Nell'ambito dei lavori di rinnovamento dell'edificio, l'università ha installato una gamma di proiettori e display professionali Panasonic al fine di sostenere le varie attività che vi si svolgono e imporsi come una struttura straordinaria. Questa implementazione audio-video ha incluso il PT-RZ12K

"I proiettori sono affidabili"

L'RZ12K è pensato per l'uso intensivo, come quello delle università. Il proiettore si distingue per l'elevata velocità di fotogrammi nativa, da 120 Hz, e per la tecnologia integrata di interpolazione dei fotogrammi, in grado di scalare gli input da 24/50/60 Hz fino a livelli molto superiori, eliminando le sfocature da movimento e aumentando la nitidezza dei filmati.

Con questo dispositivo a laser – che offre una luminosità da 12.000 lumen in risoluzione WUXGA ed è stato progettato per 20.000 ore di proiezione con prestazioni ottimali, senza dover sostituire i filtri o provvedere ad altri interventi – il concetto di assenza di manutenzione diventa realtà.

Greg Mickelborough, Production Manager dell'Attenborough Centre for the Creative Arts, commenta: “Si tratta di proiettori affidabili, con tecnologia a laser – esattamente ciò che desideravamo per questa installazione”.

 

Uso delle attrezzature

“I proiettori sono veramente semplici da utilizzare", aggiunge Greg Mickelborough, "È sufficiente collegarvi un laptop o ricorrere a una connessione wireless e la proiezione è immediatamente disponibile”. Finora l'università ha adibito l'edificio e le attrezzature a dibattiti, presentazioni, conferenze e workshop".

"In futuro, prevediamo di sfruttare le qualità di questi proiettori in molti modi diversi". 

L'Attenborough Centre è stato descritto come un punto di incontro culturale estremamente dinamico nel campus, dove convergono le iniziative artistiche dell'università e della comunità circostante. 

“Ad esempio abbiamo in programma performance con proiezioni straordinarie sullo sfondo, che contribuiscono a rendere memorabili le nostre produzioni. Inoltre, nei prossimi mesi, ospiteremo parte del Festival di Brighton, quindi proseguiremo con soggiorni di artisti, mostre e proiezioni cinematografiche", continua Greg Mickelborough.

 

Una struttura all'insegna della creatività e del dinamismo

"L'Attenborough Centre deve diventare il fulcro creativo dell'università e della comunità di artisti che vi gravita intorno, sia a livello locale che nazionale. Dimostra la serietà del nostro impegno a investire nel campo e a fornire una sede artistica accessibile a tutti".

L'edificio è stato uno dei primi, nel campus dell'università, ad attuare questa strategia e vi hanno già tenuto acclamati spettacoli noti attori internazionali, quali Sir Ian McKellen e Gemma Jones, nonché comici di successo come Jack Dee e Lee Evans. Sono state organizzate mostre importanti, come quelle della scultrice Barbara Hepworth e del pittore modernista Marc Chagall, mentre sul palcoscenico si sono esibiti la compagnia di danza contemporanea Ballet Rambert e il gruppo di teatro fisico Spymonkey.

Con il supporto delle tecnologie audio-video l'edificio rinnovato sarà in grado sia di continuare a sostenere talenti emergenti che di esibire pièce affermate.

Lucy Meredith, Field Marketing Specialist per Panasonic Visual Solutions, conclude: “È entusiasmante vedere le nostre attrezzature AV installate in una struttura leader per le belle arti come l'Attenborough Centre for the Creative Arts. Inoltre è stato istruttivo scoprire la varietà di applicazioni dei nostri dispositivi nell'università. ”

 

Elenco del kit:

PT-RZ12K - proiettore a laser da 12.000 lumen
PT-RZ670 - proiettore a laser da 6.500 lumen
PT-RZ370 - proiettore led/laser da 3.500 lumen
PT-DZ780 - proiettore a lampada da 7.000 lumen
ET-DLE250 - obiettivo Mid-Throw
ET-DLE150 - obiettivo Short-Throw
ET-D75LE30 - obiettivo zoom per proiettore
TH-LFE8 - display LCD con cornice sottile